illuminazione Wireless

illuminazione Wireless

Illuminazione wireless: come ottimizzare la nostra comfort zone

Il concetto di illuminazione wireless è figlio delle più recenti innovazioni tecnologiche, una crescita agevolata anche dall’esplosione dell’Internet delle cose e della domotica. Tematiche oggi al centro degli interessi di milioni di tecnici

Il mercato italiano delle Smart Home cresce del 23% all’anno e il 53% dei clienti vede proprio nei prodotti dedicati all’illuminazione wireless quelli più interessanti e su cui spenderebbe volentieri in caso di scelta di illuminazione. Scopriamo insieme il mondo dell’illuminazione wireless.

Il corretto comfort luminoso, caratteristica che spesso rappresenta un punto focale attorno cui costruire la propria comfort zone, può essere ottenuto solamente attraverso una progettazione integrata dell’illuminazione naturale ed artificiale. Una progettazione che tenga presenta tutti gli elementi che compongono lo spazio in analisi e che negli ultimi anni vede come assoluta protagonista l’illuminazione wireless!

faretti wireless  >>> Catalogo lampade Philips completo CLICCA QUI

La scelta della più corretta illuminazione artificiale è dettata dal fatto che al sola luce naturale, fisiologicamente variabile a seconda delle ore e del meteo, non sarebbe sufficiente a garantire il comfort desiderato. Per anni abbiamo trascorso ore e ore a ricercare il miglior comfort luminoso ma oggi, grazie all’evoluzione dell’illuminazione wireless

Oggi si parla di illuminazione wireless per la casa, lampadine led a bassissimo consumo energetico con la caratteristica di poter essere accese o spente semplicemente digitando dei comandi su un' applicazione per smartphone. Le lampadine led wireless presenti oggi sul mercato, si accendono da sole o attivate da un impulso wireless che parte dal router di casa.

Il concetto di illuminazione wireless è figlio delle più recenti innovazioni tecnologiche, una crescita agevolata anche dall’esplosione dell’Internet delle cose e della domotica. Tematiche oggi al centro degli interessi di milioni di tecnici.

Come funziona l’illuminazione wireless?

L’illuminazione wireless si basa sul concetto di avere una “classica” lampada, un corpo illuminante, e da un unità WIFI collegata al router di casa. Grazie a questa interconnessione tra corpo illuminante e router l’utente è in grado di gestire in totale autonomia, senza limite di spazio geografico, l'illuminazione della casa. Installare un impianto di Illuminazione wireless è semplicissimo. É sufficiente scegliere delle luci led wifi con l’attacco corretto e sostituire le lampadine attualmente utilizzate in casa e di collegare un dispositivo al router domestico. Il passo successivo sarà quello di caricare un’applicazione per gestire l’illuminazione domestica mediante lo smartphone.

Le lampadine led wifi possono anche integrarsi ad altri dispositivi wifi della casa. Per esempio, alle tapparelle o tende oscuranti: quando queste si chiudono lo comunicano al router che a sua volta provvede ad accendere le lampadine.

Quale sono le lampadine catalogabili all’interno del mondo dell’illuminazione wireless attualmente in commercio?

Dopo un primo di periodo in cui i sistemi di illuminazione wireless venivano considerati come merce rara, oggi possiamo trovare in commercio diversi dispositivi wifi, tutti compatibili con sistema operativo Android e con l’iPhone OS. Il vero vantaggio di questi prodotti prescinde dalla possibilità di essere gestite mediante lo smartphone, anche se questo è sicuramente il motivo principale che può far decidere su un eventuale acquisto. Questi prodotti possiedono infatti ulteriori caratteristiche tecniche che meritano un approfondimento tematico.

I sistemi di illuminazione wireless attualmente in commercio:

  1. possono funzionare come luce bianca o luce colorata, alcune addirittura consentono di scegliere tra 16 milioni di colori e sfumature diverse
  2.  
  3. le luci possono sincronizzarsi al ritmo della musica o seguire l’ambientazione proposta da un film, rendendo magari unica e indimenticabile la vostra serata romantica
  4.  
  5. possono essere programmate accensione e spegnimento
  6.  
  7. possibilità di controllare l’accensione e lo spegnimento da qualsiasi parte della casa o del mondo, grazie allo smartphone

Il kit di base per poter trasformare la vostra casa in una vera casa domotica dovrebbe essere composto da tre apparecchi per fornire illuminazione artificiale e da un unità da agganciare al router domestico. Una volta appurato di essere in possesso di tutti i dispositivi possiamo anche ipotizzare di modulare il sistema sulle nostre esigenze e di aggiungere punti luci al sistema di illuminazione wireless che stiamo allestendo.

N.B. Come abbiamo già avuto modo di dire, in commercio troviamo sia lampadine led a luce bianca sia lampadine led a luce colorata. Se volete risparmiare vi consigliamo di scegliere lampadine bianche.

I protagonisti dell’illuminazione Wireless: Philips hue!

Le Philips hue sono delle moderne lampadine led wife prodotti dalla Philips lighting che esteticamente presentano le stessa caratteristiche delle comuni lampadine al led. Andando più nello specifico le Philips hue  hanno una potenza luminosa equivalente alle lampadine a incandescenza da 50 W ma essendo lampadine al led sono anche molto meno dispendiose dal punto di vista energetico, abbattendo i consumi energetici di circa l’80%.

Quali sono le differenze con le comuni lampadine al led? Le Philips hue  a differenze delle loro “cugine” possono emettere luce a diverse tonalità e temperature di colore, inoltre sono provviste di un piccolo dispositivo interno di comunicazione di rete che le rende capaci di ricevere pacchetti di byte trasmessi in modalità wireless.

Più precisamente però le Philips hue non sono un insieme di lampadine led, ma è un vero e proprio sistema in grado di gestire l’illuminazione interna della casa creando un impianto di illuminazione wireless: in pratica, le lampade led hue Philips, sono delle lampadine led che hanno integrato un modulo Wi-Fi con cui si connettono alla rete di casa. In questo modo, con un accessorio detto Philips hue Bridge, si può controllare il colore delle lampadine led e la loro luminosità, creando degli scenari di illuminazione.

Come utilizzare il sistema di illuminazione wireless Philips Hue?

Per sfruttare appieno tutte le infinite potenzialità di Philips hue è necessario installare sul vostro smartphone l’app ufficiale per iOS o Android. L’applicazione una volta installata è in grado di riconoscere in automatico le lampadine led wireless (ricordatevi ovviamente di accendere l'interruttore della luce). Una volta riconosciute creerà per ogni lampadina un’apposita scheda nell’app.

Bene. Avete scaricato l’App e creato le schede per ogni lampadina? Ora non vi rimane che selezionare una lampadine e decidere, sia in tempo reale sia memorizzando il comando, il colore che preferite e l’intensità desiderata cosi da realizzare, finalmente, la vostra comfort area ideale.

Come si usa Homekit con Philips hue? Per chi ha un iPhone, il sistema Philips hue è totalmente compatibile con l’app preinstallata su Iphone Home Kit, motivo per cui se avete già pre-programmato il sistema potete visualizzare tutte le lampadine led wireless e modificare in tota le funzionalità del vostro sistema di illuminazione domotico.

Risparmio energetico, comfort, domotica Quali sono i punti di forza del sistema di illuminazione wireless Philips hue?

A livello di risparmio energetico, sicuramente le lampadine led sono di qualità. Sono lampadine al led, che consentono quindi di avere un basso consumo, e le variazioni di colore non provocano un consumo energetico tale da non giustificare l’acquisto. Al di là degli aspetti di risparmio energetico non possiamo però scordare le caratteristiche smart di questo sistema di illuminazione. Grazie a Philips hue possiamo letteralmente sbizzarrirci con la scelta dei colori, delle tonalità, del calore. Grazie a Philips hue possiamo trasformare la nostra casa a seconda del nostro umore e delle situazioni che decidiamo di vivere.

Quanto costa installare il sistema di illuminazione wireless Philips hue?

Il sistema domotico di casa Philips lighting è infatti composto da diversi elementi. Il prezzo per installare il sistema di illuminazione Philips hue, dobbiamo essere sinceri, è proprio economico perché non necessita di interventi invasivi, le lampadine led vanno semplicemente avvitate lì dove ora ci sono le lampadine "normali". Altro fattore che riduce i costi è la possibilità di scegliere i componenti in base alle proprie esigenze. Di seguito l'elenco dei componenti messi a disposizione da Philips lighting, venduto singolarmente o in kit:

Philips hue Bridge: è il cuore del sistema, che fa da “ponte” tra tutte le lampadine che abbiamo e lo smartphone. Può essere acquistato da solo, ne serve solo uno per tutta la casa, ma è disponibile anche con più Philips hue starter kit.

Philips lampadine led bianche: sono sicuramente le più economiche, sviluppano una luce bianca che, però, può variare da gialla a azzurra. La tonalità si può scegliere, ma non ci sono altri colori.

Philips lampadine led colorate: sono le più costose e con razie all’app possono assumere diversi colori. Sono molto più personalizzabili.

Philips hue Go: non è una lampadina ma un faretto, molto più potente delle lampadine, di cui si può personalizzare la luce colorata.

Philips hue Lightstrip Plus: sono delle strisce led di lampadine molto piccole che si attaccano alla parete e illuminano i locali. Più che una lampadina un vero e proprio prodotto d’arredamento.

Philips hue Dimming Kit: un interruttore wireless, collegato alla singola lampadina led. Utile per accenderla, spegnerla e cambiare la luminosità direttamente dalla parete.

Philips hue Sensore di movimento: è un sensore che si collega ad alcune lampadine led.

Philips hue Tap:  un telecomando wireless che accende e spegne le lampadine led senza usare lo smartphone

Lampada a sospensione: un lampadario, disponibile in diverse versioni, che dentro ha delle lampadine led hue che si possono colorare.

Nella casa del prossimo futuro in ogni caso la sostituzione di una lampadina sarà ricordata come un evento del passato e il fatto che l’edificio possa influenzare l’umore degli occupanti semplicemente modificando il colore e l’intensità della luce diventerà un operazione comune come regolare la vecchia luce a incandescenza.

Cambiare colore aggiunge un ulteriore dimensione al tradizionale paradigma di regolazione perché comporta l’installazione di meccanismi di controllo nelle infrastrutture o nelle armature stesse che nel prossimo futuro porteranno allo sviluppo di professionalità e di soluzioni impiantistiche sempre più all'avanguardia.

Come la domotica rivoluzionerà le nostre esistenze?

La domotica è l’applicazione scientifica di una serie di discipline alla gestione della casa con l’obiettivo di renderla un ambiente più intelligente, connesso ed efficiente. Con il passare degli anni sono sempre di più, ma sopratutto sono sempre più articolate, le tecnologie studiate per le nostre case. I sistemi domotici, di cui i sistemi di illuminazione wireless rappresentano solo una delle tante sfaccettature, permettono all’utente finale di controllare e regolare azioni come l’accensione delle luci, l’apertura delle porte, la gestione della climatizzazione, l’apertura e chiusura delle tapparelle, la gestione degli impianti di climatizzazione, la comunicazione dei sistemi di sicurezza con l’esterno della casa attraverso smartphone e tablet.

Retail Office e Industry: l’evoluzione dei sistemi di illuminazione connessa basati su una combinazione di tecnologia LED e software di controllo da remoto

A Light + Building 2018, Philips Lighting proporrà delle innovative soluzioni per ambiti quali Retail Office e Industry, nello specifico avanzati sistemi di illuminazione connessa basati su una combinazione di tecnologia LED e software di controllo da remoto, in grado di abilitare all’Internet of Things. Questo tipo di tecnologia consente, ad esempio, un controllo individuale della luce via smartphone, a supporto delle preferenze e delle attività utente, anche in ambienti open-space.  Di fatto, questi sistemi sono anche in grado di abilitare servizi basati sulla localizzazione, permettendo agli utenti di individuare rapidamente eventuali sale riunioni vuote, aree comuni e punti precisi all’interno di un edificio. Le stesse funzionalità si possono attivare in altri ambienti, come un punto vendita, fornendo l’esatta posizione di un prodotto o promozione. Un servizio a valore aggiunto messo a disposizione del consumatore al fine di migliorarne l’esperienza di acquisto da una parte e, contemporaneamente, aumentare la redditività del business dall’altra.

Glossario dell'illuminazione Wireless

Bridge hue: è il fulcro del sistema di illuminazione wireless Philips Lighting è come tale merita un approfondimento. Il bridge è il cuore del sistema Philips hue che collega il tuo dispositivo smart alle luci Philips hue. Puoi aggiungere fino a 50 luci Philips hue e accessori a un unico bridge. Collegato alla rete WiFi tramite un router, il bridge consente anche di connettere il tuo sistema a Internet per il controllo fuori casa e altre funzioni intelligenti. Il bridge hue è incluso in tutte le confezioni Philips Hue starter kit, oppure può essere acquistato separatamente e creare facilmente il tuo sistema Philips hue personale.

Wireless: in informatica e telecomunicazioni il termine wireless indica una comunicazione tra più dispositivi elettronici che non fa uso di cavi.

Wlan: con il termine wlan si indica una rete locale in cui un utente può connettersi senza dover essere collegato fisicamente alla rete ma attraverso una connessione wireless. Lo standard per le reti wireless è stato sviluppato dalla IEEE e comprende le specifiche 802.11. In questo standard è anche incluso un metodo per criptare i dati trasmessi che si chiama Wired Equivalent Privacy algorithm

Domotica: la domotica è una disciplina che studia le tecnologie finalizzate a migliorare la qualità della vita negli ambienti da un punto di vista sia funzionale che economico

Router: il router è un'unica “scatola” che dialoga contemporaneamente con l'ISP (Internet Service Provider), attraverso le tecnologie ADSL o Fibra Ottica, e con la rete domestica, formata dai vari PC, smartphone, tablet, smart T, sistemi di illuminazione wireless …

Lampadine led: la tecnologia LED (Light-Emitting Diodes) rappresenta l’evoluzione dell’illuminazione allo stato solido, in cui la generazione della luce è ottenuta mediante semiconduttori anziché utilizzando un filamento o un gas. L’illuminazione LED è più efficiente dal punto di vista energetico, ha una durata maggiore ed è più sostenibile.

Smart Home: una smart home è un'abitazione che prevede due o più sistemi di automazione per fornire ai suoi abitanti un controllo tecnologico sulle funzioni della propria casa.

Internet Delle Cose: Internet of Things - letteralmente “Internet degli oggetti” - è l’espressione utilizzata ormai da qualche anno per definire la rete delle apparecchiature e dei dispositivi, diversi dai computer, connessi a Internet: possono essere sensori per il fitness, automobili, radio, impianti di climatizzazione, ma anche elettrodomestici, lampadine, telecamere, pezzi d’arredamento.

Vuoi avere maggiori dettagli sui costi? Dai un’occhiata al catalogo di Boggia Illuminazione wireless

- CLICCA QUI -

Abbiamo una categoria dedicata e puoi contattare l’assistenza per ulteriori chiarimenti in merito. 

 

 

 

Boggia illuminazione wireless

luce wireless

luci wireless

Lascia il tuo commento

*
**Migliore email
*Sito http://
*
Product successfully added to the product comparison!